Benvenuto su Tregalli.it

Torraccia del Piantavigna "Ghemme" Docg Vendemmia 2008

Altre viste

Torraccia del Piantavigna "Ghemme" Docg Vendemmia 2008
35,00 €

Disponibilità: Disponibile

Uvaggio: 90% Nebbiolo 10% Vespolina
Touring Club - Vini Buoni d'Italia: Corona d'Oro: «Una golden star meritata sul Ghemme nel cui bouquet si raggruppano fiori, succo di ciliegia, cenni di tabacco appoggiati a corpo preciso sostenuto dai tannini»
Gambero Rosso 2013: 2 Bicchieri Rossi «di alto livello anche l’elegantissimo Ghemme del 2008»
Touring Club - Vini Buoni d'Italia: Stella d'Oro: Vino che raggiunte le quattro stelle ha ottenuto la nomination per concorrere alla corona
L'Espresso - Vini d'Italia: 3 Bottiglie: Vino Buono

O
Descrizione

Dettagli

“L’anno senza l’inverno”, così viene ricordato il 2008, grazie al primo trimestre dell’anno con temperature miti e precipitazioni verificatesi nel solo mese di Gennaio. Una primavera fresca e piovosa è stata seguita da un’estate intervallata da contrasti meteo-climatici pronunciati, con brevi periodi di calore molto intenso e periodi più freschi. Nel mese di Luglio, durante un temporale particolarmente violento, una tromba d’aria si è abbattuta sui vigneti di Ghemme dimezzandone la produzione. In Agosto e durante la prima decade di settembre le temperature sono rimaste sotto la media del periodo e hanno ripreso a salire dalla metà del mese, protraendosi anche a Ottobre. E’ stata quella che in gergo climatico si chiama “Ottobrata”, cioè splendide giornate di sole caldo alternate a notti fresche: condizioni perfette per un’ottima maturazione del Nebbiolo e dunque una vendemmia tardiva, il resto poi, è diventato storia. Il millesimo 2008 si presenta con un colore molto carico rispetto al tradizionale rosso rubino scarico, merito di un’ottima maturazione pellicolare della buccia favorita probabilmente dall’andamento climatico dell’ultimo mese prima della raccolta. Al naso prevalgono sentori di frutta rossa agrumi e spezie. In bocca il vino risulta molto corposo con leggeri sentori erbacei, tannini vibranti e una fresca acidità. Questa caratteristica è da imputare all’andamento climatico dell’annata che ha favorito maggiormente la maturità delle bucce a discapito dei semi dai quali è stato comunque estratto un tannino leggermente più erbaceo. E’ un vino ancora in evoluzione i cui tannini si stanno arrotondando donando al vino il suo giusto equilibrio.
Ulteriori informazioni

Ulteriori informazioni

Produttore Torraccia del Piantavigna
Denominazione DOCG
Tipologia Vino Fermo
Colore Rosso
Caratteristiche Metodo classico No
Annata 2008
volume bottiglia 750 ml
Nazione Italia
Recensioni

Tag prodotto

Usa gli spazi per tag separati. Usa apostrofi singoli (') per frasi.